Ater della Provincia di Roma
Pubblica amministrazione

“Servizio di copertura Assicurativa degli immobili di proprietà ed in gestione dell’A.T.E.R. della Provincia di Roma – Responsabilità Civile e Polizza Globale Fabbricati 2019 - 2020”.

Oggetto: “Servizio di copertura Assicurativa degli immobili di proprietà ed in gestione dell’A.T.E.R. della Provincia di Roma – Responsabilità Civile e Polizza Globale Fabbricati 2019 - 2020”.
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Criterio del minor prezzo
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 180.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 180.000,00
CIG: 7824648FC8
Stato: Aggiudicata
Centro di costo: Sezione Acquisti Economato
Aggiudicatario : graziosi e troiani srl
Data aggiudicazione: 30 aprile 2019 0:00:00
Importo aggiudicazione: € 169.379,22
Data pubblicazione: 03 aprile 2019 12:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 12 aprile 2019 12:00:00
Data scadenza: 18 aprile 2019 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Certificazione di iscrizione alla C.C.I.A.A.
  • Cauzione provvisoria pari al 2% dell’importo a base di gara
  • eventuale certificato di sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 recante l’indicazione di attività per la quale è stato rilasciato
  • PASSOE e Ricevuta dell’avvenuto versamento
  • Patto di integrità sottoscritto secondo lo schema predisposto dalla Stazione Appaltante
  • Dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000
  • eventuali documenti in caso di avvalimento
  • eventuali documenti in caso di partecipazione in forma associata e consortile
  • C – Precisazione ai sensi dell’art. 80 c. 5 lett. m D. Lgs. 50/2016
Per richiedere informazioni: 06398631 Centralino; 06398632616 Responsabile del Procedimento - Posta elettronica: aterprovinciadiroma@pec.ancitel.it e per conoscenza d.izzo@aterprovinciadiroma.it.

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

Buongiorno, in merito alla procedura di gara in oggetto rileviamo che è presente un refuso nel capitolato di gara nella sezione I – DANNI AI FABBRICATI in quanto sono riportati come massima esposizione € 40.000.000,00 per ciascun sinistro e € 80.000.000,00 per aggregato annuo. Si richiede di confermare, come riportato anche nella sezione I: SCOPERTI – FRANCHIGIE – LIMITI DI INDENNIZZO, che la massima esposizione annua è di € 25.000.000,00 per ciascun sinistro e € 50.000.000,00 per aggregato annuo. Inoltre per quanto riguarda la statistica sinistri si richiede di integrarla dei sinistri (non aperti in quanto accaduti nei periodi di scopertura assicurativa) per una questione di trasparenza anche nei confronti delle altre Compagnie.

Risposta:

Servizio di copertura Assicurativa degli immobili di proprietà ed in gestione dell’A.T.E.R. della Provincia di Roma –Responsabilità Civile e Polizza Globale Fabbricati 2019- 2020” – CIG 7824648FC8

ERRATA CORRIGE DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA:

In riferimento a quanto indicato nella sezione SCOPERTI – FRANCHIGIE – LIMITI DI INDENNIZZO del Capitolato Speciale d’Appalto vi è presente un refuso in quanto sono riportati come massima esposizione € 25.000.000,00 per ciascun sinistro e € 50.000.000,00 per aggregato annuo.

La massima esposizione deve intendersi € 40.000.000,00 per ciascun sinistro e € 80.000.000,00 per aggregato annuo così come riportato nella sezione I – DANNI AI FABBRICATI del Capitolato Speciale d’Appalto.

ERRATA CORRIGE DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA:

In riferimento a quanto indicato nell’ Elenco sinistri vi è una errata indicazione in riferimento al sinistro n. 1095-2018-464 verificatosi nel 2018 per DANNI R.C.T. COSE GENERICO, il cui importo di € 1.300,00 non è da considerarsi liquidato ma in RISERVA.

In aggiunta all’elenco dei sinistri pubblicato nei documenti di gara, vanno considerati i seguenti sinistri non coperti da polizza assicurativa:

DANNI R.C.T. COSE GENERICO: deflagrazione dei vetri delle finestre causa scoppio petardo Data evento: 07/01/2019

DANNI R.C.T. PERSONE GENERICO: a causa del mal funzionamento della porta dell’ascensore frattura terzo dito mano destra -

Data evento: 12/08/2018

DANNI R.C.T. COSE GENERICO: perdita d'acqua dall'appartamento superiore Data evento: 12/12/2018

FAQ n. 2

Domanda:

formuliamo di seguito le nostre richieste di chiarimenti: ·

Si chiede di indicare l’importo a riserva (o, in assenza, dell’importo denunciato) dei sinistri del 25.11.2018, 11.02.2019, 17.01.2019 di cui al report allegato alla documentazione di gara; · Si chiede di segnalare l’esistenza – o confermare l’inesistenza, di ulteriori sinistri, avvenuti successivamente, rispetto a quello di cui al report allegato alla documentazione di gara (in caso affermativo, indicare data, natura importo riservato/liquidato);

· Si chiede di confermare che la precisazione “superiori ad euro 500.000” di cui all’art. 16 delle Norme operanti in caso di sinistro è finalizzata ad indicare la soglia al di sopra della quale le parti possono ricorrere alla c.d. “perizia formale” (nomina con atto unico di un perito per parte e nomina del terzo in caso di disaccordo), restando ferma, per importi inferiori, la determinazione dell’ammontare del danno concordata direttamente tra le parti (coadiuvati o meno da periti o altri professionisti) di cui alla prima parte dell’articolo; ·

Con riguardo all’art. 22 “Pagamento dell’indennizzo”, IV comma, delle Norme operanti in caso di sinistro (“la società si obbliga inoltre … laddove espressamente autorizzati dalla contraente medesima”), si chiede di confermare che, fermo l’esercizio dei diritti derivanti dal contratto in capo alla contraente, il materiale pagamento dell’indennizzo viene eseguito nelle mani dell’”assicurato”, se diverso dal contraente, come previsto dal precedente Art. 15 “Assicurazione per conto di chi spetta”;

Con riferimento all’art. 29, II comma, delle Norme operanti in caso di sinistro, si chiede di confermare che l’eventuale pagamento di sinistri in franchigia (con successivo rimborso a cura della contraente) è riferita ai soli danni derivanti da Responsabilità Civile;

Con riferimento al paragrafo “Criteri di determinazione delle somme assicurate alla sezione I – Congruità” si chiede di indicare l’ammontare dei metri quadri degli immobili residenziali ed il valore al metro quadrato ad essi assegnato (nella scheda di quotazione tali dati risultano indicati per vani extraresidenziali e sedi aziendali);

Con riferimento all’art. 31 “Oggetto dell’assicurazione”, si chiede di indicare il valore complessivo del contenuto assicurato;

Con riferimento all’art. 31 “Oggetto dell’assicurazione”, si chiede altresì di confermare che il contenuto di proprietà dei conduttori degli immobili non è assicurato;

Con riferimento all’art. 58 “Terremoto” si chiede di confermare che la franchigia indicata in importo (€ 30.000) prevale su quella indicata in lettere (venticinquemila);

Con riferimento alla sezione dedicata al riepilogo di scoperti/franchigie/limiti di indennizzo, si chiede di confermare che la massima esposizione è € 25.000.000 per sinistro e € 50.000.000 per anno (non essendovi corrispondenza con altri valori indicati nella precedente sezione Danni ai fabbricati); ·

Si chiede se per una garanzia il limite di indennizzo è espresso in percentuale di valore della singola ubicazione (oltre che per sinistro), si chiede di confermare che anche la franchigia deve intendersi espressa per singola ubicazione colpita dal sinistro (oltre che per sinistro)

Risposta:

Prot. 114 del 12/04/2019

Servizio di copertura Assicurativa degli immobili di proprietà ed in gestione dell’A.T.E.R. della Provincia di Roma –Responsabilità Civile e Polizza Globale Fabbricati 2019- 2020” – CIG 7824648FC8

QUESITO N. 01

Si chiede di indicare l’importo a riserva (o, in assenza, dell’importo denunciato) dei sinistri del 25.11.2018, 11.02.2019, 17.01.2019 di cui al report allegato alla documentazione di gara; • Si chiede di segnalare l’esistenza – o confermare l’inesistenza, di ulteriori sinistri, avvenuti successivamente, rispetto a quello di cui al report allegato alla documentazione di gara (in caso affermativo, indicare data, natura importo riservato/liquidato)

RISPOSTA

Per quanto riguarda l’evento indicato con data 25.11.2018 relativo al sinistro per danni R.C.T. persone generico, lo stesso non è da considerare in quanto è stato successivamente accertato che nell’immobile oggetto dell’evento vi era un condominio autonomo costituito, per cui l’Ater Provincia Di Roma è estranea ad ogni richiesta di risarcimento; Per quanto riguarda l’evento indicato con data 17/01/2019 relativo al sinistro n. 1095-2019-43 la riserva da inserire è di € 1.530,00; Per quanto riguarda l’evento indicato con data 11/02/2019 relativo al sinistro n. 1095-2019-86 (evento atmosferico) la riserva da inserire è di € 21.500,00;

QUESITO N. 02

Si chiede di segnalare l’esistenza – o confermare l’inesistenza, di ulteriori sinistri, avvenuti successivamente, rispetto a quello di cui al report allegato alla documentazione di gara (in caso affermativo, indicare data, natura importo riservato/liquidato).

RISPOSTA

I sinistri pubblicati nel Report allegato alla documentazione di gara sono quelli esistenti in essere alla data di pubblicazione del Bando di Gara.

QUESITO N. 03

Si chiede di confermare che la precisazione “superiori ad euro 500.000,00” di cui all’art. 16 delle Norme operanti in caso di sinistro è finalizzata ad indicare la soglia al di sopra della quale le parti possono ricorrere alla c.d. “perizia formale” (nomina con atto unico di un perito per parte e nomina del terzo in caso di disaccordo), restando ferma, per importi inferiori, la determinazione dell’ammontare del danno concordata direttamente tra le parti (coadiuvati o meno da periti o altri professionisti) di cui alla prima parte dell’articolo;

RISPOSTA

Si ribadisce che nel Capitolato Speciale di Appalto all’art. 16 delle Norme operanti in caso di sinistro, si fa riferimento alla procedura per la valutazione del danno e delle perdite superiori ad euro 500.000,00 .

QUESITO N. 04

Con riguardo all’art. 22 “Pagamento dell’indennizzo”, IV comma, delle Norme operanti in caso di sinistro (“la società si obbliga inoltre … laddove espressamente autorizzati dalla contraente medesima”), si chiede di confermare che, fermo l’esercizio dei diritti derivanti dal contratto in capo alla contraente, il materiale pagamento dell’indennizzo viene eseguito nelle mani dell’”assicurato”, se diverso dal contraente, come previsto dal precedente Art. 15 “Assicurazione per conto di chi spetta”;

RISPOSTA

La Compagnia Assicurativa qualora sussistano i requisiti previsti dall'Art. 15 del Capitolato Speciale di Appalto, si obbliga a liquidare tutti i danni direttamente alla Contraente o ai soggetti danneggiati laddove espressamente autorizzati dalla Contraente medesima.

QUESITO 05

Con riferimento alla sezione dedicata al riepilogo di scoperti/franchigie/limiti di indennizzo, si chiede di confermare che la massima esposizione è € 25.000.000 per sinistro e € 50.000.000 per anno (non essendovi corrispondenza con altri valori indicati nella precedente sezione Danni ai fabbricati);

RISPOSTA

In riferimento a quanto indicato nella sezione SCOPERTI – FRANCHIGIE – LIMITI DI INDENNIZZO del Capitolato Speciale d’Appalto vi è presente un refuso in quanto sono riportati come massima esposizione € 25.000.000,00 per ciascun sinistro e € 50.000.000,00 per aggregato annuo. La massima esposizione deve intendersi € 40.000.000,00 per ciascun sinistro e € 80.000.000,00 per aggregato annuo così come riportato nella sezione I – DANNI AI FABBRICATI del Capitolato Speciale d’Appalto.

QUESITO 06

Con riferimento all’art. 29, II comma, delle Norme operanti in caso di sinistro, si chiede di confermare che l’eventuale pagamento di sinistri in franchigia (con successivo rimborso a cura della contraente) è riferita ai soli danni derivanti da Responsabilità Civile;

RISPOSTA

In merito all’eventuale pagamento di sinistri in franchigia per ai danni derivanti da Responsabilità Civile, si rinvia al Capitolato Speciale d’Appalto - art. 24 Gestione Sinistri e Recupero Franchigie – operante RCT : “A precisazione di quanto previsto al precedente art.23, la Società, limitatamente alla garanzia Responsabilità Civile Terzi, è tenuta al pagamento a norma delle condizioni contrattuali per tutti i danni, al netto dell’importo delle franchigie a carico del Contraente/Assicurato stabilite nella copertura assicurativa”

QUESITO 07

Con riferimento al paragrafo “Criteri di determinazione delle somme assicurate alla sezione I – Congruità” si chiede di indicare l’ammontare dei metri quadri degli immobili residenziali ed il valore al metro quadrato ad essi assegnato (nella scheda di quotazione tali dati risultano indicati per vani extraresidenziali e sedi aziendali);

RISPOSTA

SEDI AZIENDALI - superficie totale mq. 2.609,77

LOCALI EXTRARESIDENZIALI - superficie complessiva mq. 22.113,92

FABBRICATI DA ASSICURARE INDICATI NEGLI ALLEGATI A E B - superficie complessiva mq. 907.548,60

costo di ricostruzione €/mq. = €/mq. 844,11

QUESITO 08

Con riferimento all’art. 31 “Oggetto dell’assicurazione”, si chiede di indicare il valore complessivo del contenuto assicurato e di confermare che il contenuto di proprietà dei conduttori degli immobili non è assicurato;

RISPOSTA

Nel Capitolato Speciale d’Appalto il contenuto di proprietà dei conduttori degli immobili è assicurato, si stima il costo di rimpiazzo delle cose assicurate con altre nuove od equivalenti per rendimento economico, al netto di un deprezzamento stabilito in relazione al tipo, qualità,funzionalità rendimento, stato di manutenzione ed ogni altra circostanza concomitante. L’ammontare del danno si determina deducendo dal valore delle cose assicurate il valore delle cose illese ed il valore residuo delle cose danneggiate nonché gli oneri fiscali non dovuti all’erario. Relativamente a macchinari, impianti, attrezzature ed arredi, ecc., resta convenuto che quando il mercato non offrisse la possibilità di rimpiazzare una macchina, un apparecchio, un impianto od un attrezzo con un altro identico si stimerà il valore di rimpiazzo in base alla cosa più affine per equivalenza di prestazioni nelle stesse condizioni di impiego e destinazione, con opportuni correttivi se la cosa affine dia rendimento economico e prestazioni maggiori.

QUESITO 09

Con riferimento all’art. 58 “Terremoto” si chiede di confermare che la franchigia indicata in importo (€ 30.000) prevale su quella indicata in lettere (venticinquemila);

RISPOSTA

In riferimento a quanto indicato nel Capitolato Speciale d’Appalto all’art. 58 “Terremoto” si conferma che la franchigia indicata in cifre dell’importo di € 30.000 prevale su quella indicata in lettere.

QUESITO 10

Se per una garanzia il limite di indennizzo è espresso in percentuale di valore della singola ubicazione (oltre che per sinistro), si chiede di confermare che anche la franchigia deve intendersi espressa per singola ubicazione colpita dal sinistro (oltre che per sinistro).

RISPOSTA

Si conferma.